domenica 6 aprile 2014

Eccoci qua con una delle tante ricette di Luca Montersino, anche questa dal risultato assolutamente assicurato.

Lunga nel nome, ma semplice da realizzare!

Si tratta di una pasta frolla cotta in bianco, con lamponi freschi e copertura di chibouste alla vaniglia.

Ingredienti

Pasta frolla cotta in bianco --> trovate qui la ricetta base
200 g lamponi freschi

per la chibouste alla vaniglia

500g crema pasticciera
8 g colla di pesce
1 bacca di vaniglia
300 g zucchero
60 g acqua
175 g albumi

Preparazione

Incominciamo con il ricordare la cottura in bianco della pasta frolla. Prendete il vostro panetto di pasta frolla, stendetelo della dimensione della tortiera, mettete in forno e cuocete secondo la ricetta base linkata sopra, in bianco. Ciò significa che la frolla andrà cotta appunto senza farcitura, perchè i lamponi li metteremo freschi successivamente. Per evitare che la frolla si gonfi, oltre che bucherellarla, ponete un foglio di alluminio e del sale grosso (più utile dei fagioli o legumi vari che andrebbero poi buttati, il sale invece potete tranquillamente riutilizzarlo). Una volta cotta fate freddare.

Per la chibouste alla vaniglia:

Scaldate la crema pasticciera, unite vaniglia e colla di pesce ammollata e strizzata.

Fate montare gli albumi con 100 di zucchero, nel frattempo scaldate la restante parte in un pentolino con l'acqua (mi raccomando prima acqua e poi zucchero) fino ad arrivare a 121°, poi versate a filo nella montata di albumi e terminate di montare.

Unite poi la meringa ottenuta e la crema pasticciera ancora calda.

Composizione del dolce:

Disponete i lamponi sul fondo di frolla, tutti vicini senza accavallarli, riempiendo tutto lo stampo.
Spalmate uno strato di chibouste sui lamponi, per riempire bene i "vuoti".
A questo punto continuare ad aggiungere la chibouste, ma con un sac a poche, in modo da fare già la decorazione della torta.

Infine per mantenere stabile la chibouste essa va fiammeggiata, io non avevo il cannello quindi la mia non risulta ben caramellata, ma vi assicuro che estetica a parte era buona lo stesso :)



Tagged: